Bardoleat

La centralità dell’olio extravergine nella dieta Mediterranea

La dieta Mediterranea, tutelata come Patrimonio dell’Umanità, affonda le sue radici nella nostra tradizione culinaria più antica e sincera.

L’olio extravergine di oliva ne è un alimento cardine. L’opinione scientifica ne è ormai certa: assunto nella quantità raccomandata di 3-4 cucchiai da cucina al giorno è un elisir di benessere. Il basso contenuto di grassi altamente digeribili contenuti apporta benefici sul sistema cardiovascolare.

Non dobbiamo trascurare inoltre la quantità di vitamine naturalmente racchiusa e la capacità di far assimilare le vitamine derivanti dagli altri cibi.

E’ sufficiente rendersi conto che l’olio è l’alimento base di tutti i principali prodotti della dieta Mediterranea: pane, pasta, riso, legumi e verdure sono conditi in prevalenza con olio extravergine di oliva.

La sostituzione del burro con l’olio è una pratica ampiamente diffusa nel nostro Paese come nei paesi dell’Europa centrale e del nord. Potete sostituire il burro per creare dolci più leggeri e far così felici anche gli amici intolleranti al lattosio.

L’importante è scegliere un prodotto di buona qualità, con provenienza delle olive certa e un processo produttivo attento dalla raccolta fino all’imbottigliamento, passando per la molitura.

Mio nonno ci ha creduto in questo, mio papà ne ha raccolto il testimone tramandando a noi figli il dovere di preservare la qualità di questo eccezionale alimento.

Condividi post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Altri articoli

Come conservare l’olio di oliva

Può essere banale ma per una buona conservazione dell’olio d’oliva è necessario adottare piccoli accorgimenti. Al fine di mantenere inalterate le proprietà organolettiche tieni l’olio al buio lontano da fonti

Leggi tutto »