Bardoleat

Olio Garda DOP: l’oro del Garda

Il microclima

Il Lago di Garda con il suo microclima caratterizzato da una temperatura mite, è l’area di produzione più a nord del mondo dove la coltivazione dell’olivo è possibile. Nonostante la sua posizione – al confine con Veneto, Trentino e Lombardia – l’influenza mitigatrice del più grande bacino di acqua dolce d’Italia garantisce un clima tipicamente temperato con estati non troppo torride e inverni non troppo freddi.

Questo contesto particolarissimo è la condizione indispensabile che consente lo sviluppo di una rigogliosa vegetazione composta da oleandri, fiori di vario genere ma soprattutto vitigni e olivi.

Da secoli sui soleggiati terrazzamenti delle colline moreniche che circondano il Lago di Garda cresce l’olivo, una pianta drupacea che qui diventa risorsa indispensabile per questo territorio di origine glaciale. Proprio per questo motivo la zona è ricca di corsi d’acqua: conta infatti 25 immissari, tra cui il fiume Sarca e anche l’Aril, il fiume più breve del mondo lungo appena 175 metri, oggi riserva di pesca per la riproduzione delle trote.

Dai romani alla DOP

Recenti studi dimostrano la presenza di questa pianta sul Garda già in epoca romana, intorno al 900 d.C. La sua diffusione è merito però dei monasteri che necessitavano di olio per illuminare le chiese.

L’Olio Extravergine di Oliva del Garda, certificato dal 2004 con la Denominazione di Origine Protetta “GARDA DOP”, rappresenta il prodotto di riferimento del Lago di Garda. Si tratta di un olio decisamente piacevole al palato, caratterizzato da un sapore leggero e armonico con sentori di mandorla dolce, bassa acidità e grande digeribilità.

E’ una piccola produzione (1% dell’intera produzione nazionale) soggetta al rispetto di un preciso e dettagliato  disciplinare di produzione. Le cultivar di olivo dalle quali nasce questo prezioso prodotto sono:

  • Casaliva
  • Frantoio
  • Leccino
  • altre cultivar minori

Se sei curioso di assaggiare il nostro olio, ricco di storia e tradizione ma intriso anche di grandi sacrifici puoi visitare questa pagina. Buona degustazione!

Lascia un commento